Lunedì, 13 Febbraio 2017 01:00

SERVIZIO CIVILE. "VOLONTARI IN RACCONTO..."

 «Il vero viaggio di scoperta non consiste nel trovare nuovi territori, ma nel possedere altri occhi, vedere l'universo attraverso gli occhi di un altro, di centinaia di altri: di osservare il centinaio di universi che ciascuno di loro osserva, che ciascuno di loro è» Marcel Proust

I nostri Volontari e i loro dieci, cento, mille sguardi ... Quelli dei bambini e delle bambine, degli adolescenti e degli anziani che ogni giorno servono con gioia, rispetto e dedizione. Un rapporto di reciproco arricchimento e di comune crescita. Questo incoraggia la fiducia e la speranza nei rapporti umani,  questo ci dà la forza di continuare con più determinazione a servire, attraverso il Servizio Civile, questa nostra umanità. Vogliamo diffondere questo spirito che ci attraversa, affinché  pervada e si diffonda, cresca. Esploda!

Grazie a Maria Chiara e Roberta, nostre Volontarie in Servizio Civile a Rimini, perché la loro testimonianza ci ha donato "centinaia di universi"...

Foto Roberta 2  "Che strana sensazione tornare a scuola ogni giorno. Un posto  fino a quattro mesi fa sconosciuto ai miei occhi, ora tramutato  in quel posto  speciale che non si può lasciare. Perché? La  risposta abita nell'innocenza  e scaltrezza che i bambini pongono  agli occhi di chi è capace di affondare  tutto se stesso in quel  prezioso linguaggio non verbale. Perché i bambini    rispondono  alle domande ponendo altre domande, aprendo altre finestre, altre porte che aprono altri mondi" ~ Roberta Tota

  "Ho iniziato il Servizio Civile prestando la mia persona, la mia    sensibilità   e le mie umili conoscenze presso la scuola primaria    in classe quarta, una   classe che mi piace definire "arcobaleno"  per la grande varietà di personalità che ci sono:tutte con un  carisma diverso.(...) Quasi fin da subito si è instaurasto un gran clima di amicizia e serenità con i ragazzi, sebbene fosse spesso difficile saper essere autorevole in alcuni momenti. Col passare del tempo notavo sempre più che ogni bambino aveva la sua storia da raccontare, fatta di gioie ma spesso anche di difficoltà. (...) Ogni bambino sente proprio il bisogno di essere valorizzato e spesso la scuola rimane l'unico modo che i bambini hanno per esprimersi ~ Maria Chiara Agnoletti

"Restare in silenzio a contemplare questo magico spazio. Svuotarmi. E riempirmi. Svuotarmi. E riempirmi ancora. Come in un movimento continuo di rinascita. Il ruolo di volontaria mi offre l'occasione di esplorare dentro e una volta scoperto il gioco è impossibile sottrarmi. E' un intenso viaggio per conquistare equilibri, dialogando sottovoce con me stessa per focalizzare la mia utilità in relazione ai bambini che hanno bisogno di me" ~ Roberta Tota

"Accanto alle relazioni felici e allegre ( come consiglia Don Bosco), c'erano anche i momenti difficili in cui non sapevo come rapportarmi rispetto a richieste di ascolto ecclatanti: ho notato spesso che il comportamento agito predomina sempre di più sul pensato e spesso si fatica a rapportarsi. Ho provato sentimenti, che ritengo umani e giusti, di frustrazione e di stanchezza, ma ho sempre cercato di tenere fermo il mio obiettivo: far capire che l'educatore ci sarà sempre, nonostante tutto" ~ Maria Chiara Agnoletti

Foto Roberta 1 "Mi vedevano come un'eroina, perché nonostante le barriere non sono solità arrendermi. Sono una di loro. Una compagna di viaggio che insegna,  attraverso la sua presenza, a tirare fuori motivazione e volontà nella ricerca di una strada nonostante le ostilità e le nostre naturali incapacità. Perché non smetteremo mai di cercare. Mi hanno accolto, i primi quattro mesi,  in  prima elementare. Lascio immaginare l'aria che respiravo! Mi chiedevano  spesso quale fosse il mio ruolo. Mi faceva sorridere perché erano loro che  aiutavano me e non il contrario. Il fatto di essere così aperti alla vità e alle  persone mi rendeva grata. Mi facevano domande così sentite e attente che  rimanevo attonita a guardarli"  ~ Roberta Tota

 " Sto capendo, giorno dopo giorno, quanto sia importante con i bambini più  piccoli, il concetto di "sguardo buono". Succede spesso di gestire il conflitto,  ma il fattore su cui sto lavorando è il mantenimeto di uno sguardo buono  anche nel momento del conflitto. i bambini hanno bisogno di sapere di  essere amati, sopratutto i più piccolini. (...) E' solo attraverso una buona  amicizia che si può costruire un buon futuro" ~ Maria Chiara Agnoletti

 "La paura? Ancora non la conoscono e questo aiuta ad avanzare e a scalfire  la loro impronta. Stanno imparando ad osservare le mie ruote in qualità di  gambe e ne sono felice. ..., forse non riuscirà  a stare attento per un  lungo periodo o non riuscirà a scrivere dentro gli spazi con la stessa facilità  degli altri, ma di certo  rimarrà un sognatore e l'arte di fare magia, sono  certa, lo condurrà lontano" ~ Roberta Tota

 " Mi ritengo fortunata a svolgere il Servizio Civile in questa scuola, sia    perché ho modo di conoscere, giorno dopo giorno, persone meravigliose, sia perché ho modo di sperimentare me stessa a 360 gradi. Noto che tutte le mie insicurezze, quando sono con i bambini, svaniscono. I bambini hanno il potere della verità: già dalla comunicazione non verbale capiscono chi sei, di quale umore sei e così via" ~ Maria Chiara Agnoletti

" Durante la ricreazione pomeridiana giro la corda permettendo ai bambini di divertirsi e saltare. Essa per me è simbolo di unione come nella grande famiglia salesiana guidata da Don Bosco. Ai vertici rimangono solidali le colonne portanti. Al centro la felicità, il coraggio, la volontà e la caparbietà del bambino a migliorarsi, guardando sempre oltre se stesso con il sorriso". Questa realtà mi permette di crescere profondamente e sperare che i bambini di domani possano cambiare certe convinzioni. Perché tutto cambia e le nuove possibilità permettono che questo possa avvenire. Amore e speranza sono gli ingredienti per condurre nuovi e potenziali passi. ~ Roberta Tota

 

 

 

 

 

 

Come Sostenerci

 

CHI SIAMO

Il VIDES crede nell’intuizione di Don Bosco e di Madre Mazzarello che sia possibile educare i giovani ad essere protagonisti della propria realizzazione, riconoscendo particolare valore all’educazione, promozione e formazione, onde assicurare loro uno sviluppo adeguato ai tempi e al progresso tecnologico nella società.

CONTATTI

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.