Mercoledì, 18 Ottobre 2017

Là, dove l'istruzione al femminile è più difficile.

Sono 130  milioni le bambine e le ragazze che, ad oggi, non possono andare a scuola. Non pare contare la certezza che l'istruzione sia l'arma più potente per combattere la povertà. L'associazione ONE rende nota una tristissima realtà nel report "The toughest places for a girl to get an education", in cui mette nero su bianco i 10 Paesi in cui l'accesso all'istruzione risulta più difficile, soprattutto per bambine e ragazze.

In cima alla classifica troviamo il Sud Sudan, con il 73% delle bambine che non hanno accesso alla scuola primaria. Il giovane Paese, segnato da una profonda crisi economica e da continui conflitti armati, destina all'istruzione solo il 2,6 % del proprio budget annuale.

A seguire troviamo la Repubblica Centrafricana, il Niger, l'Afghanistan, il Ciad, il Mali, La Guinea, il Burkina Faso, la Liberia e l'Etiopia. Nella Repubblica Centrafricana è presente un solo insegnante ogni 80 alunni (la media europea è di 1 a 15), in Burkina Faso il 17% delle ragazze tra i 15 e i 24 anni non sa leggere. In Liberia circa due terzi delle bambine non vanno a scuola. L'Afghanistan risulta il Paese con la più alta disperità di genere per accesso alla scuola primaria: 71 bambine su 100 maschi.

L'Africa ottiene il triste primato con 9 Paesi su 10. Il denominatore comune, oltre l'estrema povertà e la presenza più o meno costante di conflitti in essere o appena conclusi, è la precocità dei matrimoni per bambine e ragazze: più della metà di esse si sposa prima dei 18 anni. Questo incide pesantemente sulla carriera scolastica, poiché le ragazze hanno di fatto il 57% in meno di possibilità di portare avanti gli studi rispetto ai ragazzi.

La questione di genere segna ancora oggi i destini delle persone, soprattutto là dove la povertà riduce ogni margine di autodeterminazione possibile solo attraverso la conoscenza, lo studio, l'istruzione. In una parola la scuola.

 

Come Sostenerci

 

CHI SIAMO

Il VIDES crede nell’intuizione di Don Bosco e di Madre Mazzarello che sia possibile educare i giovani ad essere protagonisti della propria realizzazione, riconoscendo particolare valore all’educazione, promozione e formazione, onde assicurare loro uno sviluppo adeguato ai tempi e al progresso tecnologico nella società.

CONTATTI

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok